CHI SIAMO   |   Pixelrecuperodati.it è un servizio di
logo Pixel bianco
connessione vpn

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

CONSIGLI UTILI

Connessione VPN: perchè è indispensabile in azienda.

Con l’avvento dello smart working, il concetto di VPN è diventato famigliare a sempre più persone. Ecco come funzionano e perché sono così importanti queste connessioni private dotate di un altissimo livello di sicurezza e protezione.

Cos'è una VPN e cosa non è.

Una VPN permette di creare una rete privata virtuale con un alto livello di privacy, con la garanzia di anonimato e di un alto livello di sicurezza dei dati. Questo è possibile grazie ad un canale di comunicazione riservato tra dispositivi che non devono per forza essere collegati alla medesima LAN. Per capire di più sulla VPN è utile fare dei distinguo e degli approfondimenti, partendo proprio dal suo nome.

Cosa significa VPN.

VPN è l’acronimo di Virtual Private Network che, in italiano, si traduce come rete virtuale privata. Partendo da questa definizione, è utile spiegare cosa si intenda per rete privata, per connessione virtuale e in che modo una VPN si distingua da una rete pubblica.

Una VPN non è una rete pubblica.

Per capire cosa è una VPN può essere utile capire cosa non è. Il suo nome la identifica come rete privata e, dunque, distinta dalla rete pubblica. La rete pubblica è, in parole povere, Internet, ovvero una rete aperta, disponibile per tutti, ma priva di ogni requisito di sicurezza e privacy. Al contrario, solo chi è in possesso di credenziali può accedere ad una rete privata.

Una VPN non è una LAN.

Tra le reti private troviamo anche le LAN (Local Area Network) ma una VPN non è una LAN. Quest’ultima, infatti, serve a collegare diversi dispositivi collocati nello stesso sito fisico, tramite cavi o WI-FI. La VPN, invece, può essere vista come un’estensione geografica della LAN in quanto consente di collegare a un server, anche molto distante, dispositivi dislocati in luoghi fisici diversi.

Una VPN è una linea virtuale.

Proprio questo è il punto che distingue una VPN da una LAN. Entrambe reti private, la prima funziona grazie ad un ponte di connessione virtuale punto a punto tra chi si connette e uno dei server della VPN. Questa possibilità offerta dalla VPN, ovvero quella di aprire un canale di connessione esterno in una rete interna, offre grandi opportunità, ma pone anche di fronte ad importanti sfide che rendono indispensabili i requisiti di sicurezza delle VPN. Lo stesso non vale per una LAN che è delimitata da uno spazio fisico inaccessibile dall’esterno.

Come funziona una virtual private network.

In genere, una VPN viene realizzata, per economicità e praticità, sfruttando l’infrastruttura pubblica, ovvero Internet.

Il principio del tunneling.

Immaginiamo una rete autostradale su cui circolano i veicoli. Se ci fosse un elicottero, il suo conducente potrebbe vedere chiaramente, dall’alto, tutto il traffico in circolazione, ma non potrebbe sapere cosa succede all’interno dei tunnel. Questa metafora rende chiaro il principio su cui lavora la VPN, ovvero quello di creare un tunnel virtuale tra due entità che possono scambiarsi dati in modo sicuro e protetto e al riparo da occhi indiscreti.

In pratica, le informazioni che i dispositivi collegati tramite una VPN si scambiano tra loro o con il server vengono incapsulate in modo tale che dati come l’indirizzo IP di mittente e destinatario, il tipo di dato ecc. vengano cifrati, ovvero non siano visibili dall’esterno della connessione.

Il funzionamento di una VPN in breve.

Una rete VPN rende virtualmente adiacenti due entità remote, anche geograficamente distanti tra loro, tramite un collegamento logico basato su una rete IP. Perché questo avvenga occorre un processo di autenticazione che consenta al server di riconoscere il client e, in genere, questo è possibile grazie ad un software e ad una password.

Ambiti di applicazione e vantaggi di un VPN network.

A cosa servono le VPN? Perché un’azienda, soprattutto oggi, non può farne a meno?

Creare una VPN per la rete aziendale.

Da quando lo smart working è entrato nella quotidianità della maggior parte delle persone, la necessità di reti VPN è diventata chiara a tutti. Quando un dipendente lavora da casa, potendo accedere dal PC piazzato in salotto a tutte le cartelle aziendali, significa che il server dell’azienda ha riconosciuto quel PC come un noto alla rete. Questo è solo l’esempio più attuale di utilizzo della VPN ma le aziende fanno affidamento su questa connessione per moltissimi altri scopi legati allo scambio di dati tra sedi aziendali diverse.

Virtual VPN a casa.

Anche se meno numerosi, alcuni privati scelgono di utilizzare connessioni VPN domestiche, per avere garantiti privacy e anonimato e per accedere a siti web senza restrizioni. A volte, poi, per le soluzioni di domotica si scelgono linee VPN che consentono di effettuare, in totale sicurezza, azioni in casa, come abbassare la tapparella o accendere il forno, anche quando si è molto lontani.

VPN iPhone o smartphone.

Si parla spesso di VPN Android o VPN Apple, semplicemente perché anche uno smartphone può trasformarsi in un nodo di una rete VPN, sia per scopi aziendali che privati.

I consigli di PIXEL per scegliere una VPN aziendale.

Anche se vale sempre il principio secondo il quale nessuna soluzione, da sola, può assicurare totale protezione, PIXEL consiglia sempre alle aziende di implementare una rete VPN.
Una delle prime regole è quella di evitare i provider che offrono connessioni VPN gratuite, ma ci sono altre valutazioni da fare in fase di scelta.

Caratteristiche da valutare per scegliere tra i servizi VPN.

Sono molte le soluzioni VPN sul mercato e non stiamo ad elencarle tutte, ma è importante, prima di scegliere il fornitore VPN giusto, valutare i seguenti punti:

  • Privacy: assicurati che la policy del provider che stai valutando non preveda il tracciamento del tuo traffico.
  • Aggiornamento del protocollo: il protocollo da preferire è OpenVPN, che offre garanzie di sicurezza maggiori anche rispetto ad esempio al PPTP.
  • Assenza di limiti di tempo per i dati.
  • Larghezza della banda.
  • Collocazione dei server: assicurati di poter scegliere da quale area vuoi che risulti connesso il tuo dispositivo.
  • Accesso da più dispositivi: è importante che la VPN sia accessibile da tutti i dispositivi che utilizzi.
  • Blocco in caso di guasto: alcuni sistemi, in caso di guasto della VPN, trasferiscono la connessione ad una rete internet non sicura. Questo non deve avvenire e la connessione deve essere interrotta in caso di problemi sulla VPN.

Se hai capito che anche la tua azienda non può più fare a meno di una VPN dedicata, contatta PIXEL Recupero Dati, per sapere di più su come realizzarla.

A quali ricerche risponde il presente articolo?

Vpn aziendale da casa, vpn cos’è, vpn client, cosa è vpn, creare vpn, connessione vpn cos’è, come collegarsi alla vpn aziendale, windows vpn, vpn aziendale da casa, rete aziendale vpn, come creare una vpn aziendale, vpn aziendale come funziona.